Criotrasferimento: trasferimento di embrioni congelati

by CRA Barcelona
trasferimento di embrioni congelati

In un ciclo di fecondazione in vitro, per ottenere una gravidanza è necessario che l’embrione sia buono e che l’endometrio sia nelle migliori condizioni possibili.
Il criotransfer, il trasferimento di embrioni congelati in un ciclo ritardato, ci permette di aumentare le probabilità di impianto e vi dà maggiore libertà nel programmare il vostro secondo viaggio a Barcellona

Dopo la puntura ovarica, l’embrione viene fecondato e le blastocisti adatte al trasferimento vengono vetrificate.

Nei processi di fecondazione in vitro, dopo la stimolazione ovarica, gli estrogeni e il progesterone sono a livelli molto elevati. Per facilitare il recupero dell’endometrio e l’impianto dell’embrione, è preferibile optare per la vitrificazione degli embrioni e il trasferimento differito. Si tratta del cosiddetto criotrasferimento.

In questo modo, possiamo selezionare il ciclo in cui l’endometrio presenta le condizioni migliori per il trasferimento.

La vitrificazione e la devitrificazione hanno effetti sull’embrione?

Gli eccellenti risultati ottenuti con la vitrificazione/devitrificazione ne hanno fatto la tecnica di elezione nei laboratori di FIV, con un tasso di sopravvivenza prossimo al 100%.

D’altra parte, la probabilità di ottenere una gravidanza non dipende tanto dalla tecnica di crioconservazione quanto dalla qualità degli embrioni e dallo stato dell’endometrio. Un’elevata sopravvivenza dopo la devitrificazione ci offre una prognosi migliore a lungo termine, poiché aumenta il numero di embrioni disponibili.

Un embrione ottenuto da un ovulo vitrificato può essere vitrificato?

La vitrificazione degli embrioni è indipendente dallo stato precedente dei gameti. È possibile vitrificare l’embrione purché raggiunga lo stadio desiderato con una buona qualità. In ogni caso, le tecniche da utilizzare devono essere valutate caso per caso.

Come viene eseguita la devitrificazione degli embrioni?

Il giorno del trasferimento, l’embrione viene devitrificato in un processo relativamente rapido che dura circa 15 minuti. Il processo viene eseguito da un biologo in laboratorio, in un ambiente in cui la temperatura e i tempi di ciascuna fase sono controllati.

L’embrione passa da -196°C nell’azoto liquido a 37°C nel terreno di coltura. L’ottimizzazione delle tecniche di crioconservazione fa sì che i tassi di sopravvivenza e di impianto degli embrioni vitrificati non siano compromessi.

Una volta devitrificato, il biologo controlla lo stato dell’embrione e lo deposita nell’incubatrice fino al momento del trasferimento.

Se per qualche motivo non è possibile effettuare il trasferimento – cosa che accade raramente – è possibile vitrificare nuovamente l’embrione senza alterarne lo stato. Infatti, dopo un aborto spontaneo in un primo ciclo di fecondazione in vitro, è consigliabile eseguire una biopsia degli embrioni vitrificati. Con il test genetico preimpianto possiamo selezionare l’embrione cromosomicamente normale per il successivo trasferimento, riducendo così al minimo un altro aborto spontaneo.

Preparazione dell’endometrio

Prima del trasferimento, l’endometrio deve essere trattato ormonalmente per renderlo più ricettivo, somministrando progesterone. Una volta confermata la buona formazione dell’endometrio mediante ecografia, si programma il criotrasferimento. L’impianto è il processo attraverso il quale l’embrione e l’endometrio entrano in contatto e inizia la gestazione. Questa unione avviene 6-7 giorni dopo la fecondazione, quando l’embrione è allo stadio di blastocisti, e non influisce sul fatto che l’embrione sia stato precedentemente crioconservato.

A CRA Barcelona pratichiamo un approccio olistico alla fertilità e consigliamo di integrare il trattamento ormonale con sedute di agopuntura.

L’agopuntura durante il trattamento di riproduzione assistita aiuta a ridurre l’infiammazione, a eliminare le tossine e ad aumentare il benessere dell’organismo. Il giorno del trasferimento dell’embrione, l’agopuntura viene utilizzata per colpire il sistema immunitario, uno dei fattori che possono alterare l’impianto dell’embrione.

Dopo il trasferimento dell’embrione, si raccomanda un riposo relativo di 24-48 ore. In seguito, è possibile condurre una vita completamente normale, continuando il trattamento con il progesterone. Dopo 14 giorni si esegue un test di gravidanza sul sangue.

Occorre tenere presente che la probabilità di ottenere una gravidanza attraverso un ciclo di FIV dipende da numerosi fattori e la personalizzazione del trattamento è di vitale importanza.

Per questo motivo, a CRA Barcelona offriamo una visita iniziale gratuita per valutare ogni caso e proporre il miglior itinerario possibile.

 

Prenoti ora una visita gratuita con i nostri specialisti en PMA

    Orario di contatto

    Tratamiento:

    Voglio:

    Ho letto e li accetto Condizioni d'uso  
    Centre de Reproducció Assitida S.L. puoi inviarmi comunicazioni commerciali  

    ¡Hola!